La Chiesa di Saint Léger

La chiesa di Saint Léger

La Chiesa di Saint Léger, con la sua bella facciata interamante affrescata, pur non essendo la chiesa parrocchiale, è la struttura che maggiormente si nota percorrendo la strada statale in direzione Cogne. 

Lo storico religioso Abbé Henry  fa risalire le sue origini al primo insediamento dei Benedettini in Valle d'Aosta1 e  la inserisce  tra le 43 parrocchie esistenti intorno all'8002.

Appare per la prima volta nella documentazione in una bolla del papa Eugenio III del 5 aprile 1145, tra le dipendenze della prevostura di Saint-Gilles di Verrès. Nel 1424 fu ceduta al vescovo di Aosta, in cambio di altri beni. L'attuale edificio fu costruito nel 1760-1762 e consacrato da mons. Pierre-François de Sales il 25 maggio 1765.

Presenta un'unica navata con volte a crociera ornate da una luminosa e ricca decorazione pittorica eseguita negli anni1856-1857 dal pittore Grange  come anche la caratteristica facciata a trompe-l'œil (al centro martirio di san Leodegario, o Léger, ai lati i santi Giuseppe, Germano, Grato e Leonardo).

L'altare maggiore fu realizzato nel 1856 dallo scultore Freydoz, di Brusson, in sostituzione di quello precedente, che doveva salire fino alla volta. L'organo fu costruito nel 1848 da G. N. Cesa. A monte e distaccato dalla chiesa si colloca il campanile, una bella torre quadrata in pietra a vista che si eleva solida ed elegante, con guglia a forma di piramide ottagonale.

In mancanza di dati storici la sua origine risalente al tardo rinascimento, XV-XVI secolo, è desunta dalle caratteristiche della costruttività della sua muratura di base: pietra selezionata a vista, murata con giunti di malta segnati dal ferro.

Nella cella campanaria è collocata la più antica campana datata della Valle d'Aosta: fusa nel 1372 e dedicata alla Vergine Maria, reca l'iscrizione Ave Maria gratia plena, Dominus tecum. A.D. MCCCLXXII.

La Chiesa è aperta e visitabile ogni domenica durante i mesi estivi grazie all'impegno di un gruppo di volontari che si rendono disponibili per visite guidate. Segnaliamo anche che Saint Léger, grazie alla sua struttura, offre un'ottima acustica, perciò non perdetevi i concerti che episodicamente vi sono organizzati o non esitate a contattare il Parroco nel caso in cui vogliate organizzarne uno.

(1) Abbé Henry - Histoire de la Vallée d'Aoste

  • chap 41 Apparition des Bénédictins en VDA: l'église de Saint Léger - Aymavilles / Le prieuré de Sainte-Hélène à Sarre

(2) Abbé Henry - Histoire de la Vallée d'Aoste

  • chap 43 Paroisses existantes vers l'an 800

La cripta

Al momento purtroppo la cripta non è aperta al pubblico.

La cripta di Saint Léger

L'interesse e il fascino della chiesa di Saint Léger sono accresciuti dalla presenza di una cripta a due navate, separate da pilastri in pietra che sostengono le volte tramite archi a tutto sesto; l'abside è semicircolare, l'asse del presbiterio leggermente inclinato a destra posizione raffigurante l'inclinazione della testa di Cristo nel momento della sua morte in croce: et inclinato capite emisit spiritum.

Si tratta di una delle cripte più antiche che si conoscano in Valle d'Aosta; risale nella sua parte originaria all'VIII secolo e secondo ricerche recenti si può pensare ad una datazione ancora più antica. Successivamente ingrandita, doveva presentare tre navate, una sarebbe andata distrutta o inglobata nel muro settentrionale della chiesa attuale. La tradizione popolare la collega all'esistenza ad Aymavilles di un'antica comunità di monaci benedettini rappresentati in modo mirabile nell'espressione les mains à la terre, l'oeil aux livres, le coeur au ciel, peraltro non documentata dalle fonti storiche.

Vita di Saint Léger

Saint Léger: un uomo del suo tempo, ma anche un vero 'santo' che si è impegnato per la sua gente.

Associazione Saint Léger

In Francia è nata un'associazione per conoscere il personaggio e riunire tutti i luoghi che ne portano il nome.
Mappa

Aymavilles su Flickr