Le feste e gli appuntamenti da non perdere

Ad Aymavilles la Pro Loco è attiva da ormai 15 anni: si occupa di organizzare nel territorio comunale feste, sagre ed appuntamenti volti a valorizzare la cultura e le tradizioni del paese. Di seguito alcuni appuntamenti da non perdere.

La festa del Patrono

Il Patrono di Aymavilles, Cristo Re, si festeggia a novembre. La giornata di festa è occasione di incontri, concerti, mostre a tema, balli e succulenti piatti tipici...

La notte di Natale

Una particolarità di Aymavilles è di aver avuto tra i suoi abitanti veri personaggi di cultura, artisti e musicisti. Non c'è da stupirsi allora se il paese possiede una sua versione de "la Pastorale", tipico canto eseguito ogni anno durante il suggestivo presepio della Messa di mezzanotte, curato dalla Cantoria parrocchiale.

La Pastorala di-z-Amaveulle è un insieme di melodie che vengono cantate nella notte di Natale prima della Messa di Mezzanotte. I testi sono in "patois", la lingua franco-provenzale parlata a Aymavilles, e sono stati composti dalla poetessa locale Armandine Jérusel. Le stesse melodie, pur nella loro semplicità, insieme ai testi meravigliosamente naïf, creano una composizione del tutto originale, profondamente sentita ed apprezzata non solo dagli Amaveulen, ma anche da tanti che vengono da località diverse per poterla ascoltare.

Il carnevale e la Bottega dei Sogni

A Carnevale, feste per bambini e iniziative per anziani rendono la Pro Loco un elemento importante di aggregazione e socializzazione.

I costumi e le maschere ideati e realizzati da Deborah Nania e Roberto Pegoraro sono nati dalla passione per il fascino antico del Carnevale di Venezia e si sono imposti, nell'arco di oltre vent'anni, all'attenzione di fotografi di tutto il mondo, fino a rientrare nell'archivio delle immagini simbolo di questa importante manifestazione.

I costumi sono apparsi su un numero sempre maggiore di riviste, libri e video in tutto il mondo; le loro immagini sono commercializzate in cartoline, posters, calendari e gadgets vari.

Il fascino di queste maschere non poteva, tuttavia, restare circoscritto al mistero di calli e campielli veneziani tanto che sono state più volte invitate a partecipare a manifestazioni nazionali ed estere che hanno aperto orizzonti nuovi per la valorizzazione della loro presenza scenica.

Nel 1994 un agente teatrale, cogliendone il grande impatto visivo, le ha scelte per rappresentare in Giappone l'Europa del sud al World Festival Exposition of Mie (Osaka). Quell'esperienza ha determinato la nascita, l'anno successivo, dell'Associazione culturale "La Bottega dei Sogni" che ha realizzato "Rêves", una sfilata-spettacolo in cui i personaggi in maschera interpretano, con danza e mimica intrigante, brani musicali di indubbia suggestione. L'utilizzo di scenari naturali (castelli, ville, parchi, ecc.) e di particolari giochi di luce rendono assolutamente magica l'atmosfera.

Ne risulta una gioia per gli occhi che può stimolare la fantasia e la voglia di sognare di chiunque. Ed è questo coinvolgimento emotivo che "La Bottega dei Sogni", forte delle precedenti esperienze, può garantire.

Per informazioni: info@labottegadeisogni.com

Link

Vedi anche

Aymavilles su Flickr